The last recipe

Questa cosa delle ricette culinarie è davvero una delle tante cose aderenti alla stupidità umana. Se davvero la cucina è un’arte, allora questa non dovrebbe avere limiti, non dovrebbe assomigliare alla carta che da il medico per prendere le medicine in farmacia.

Esistono, è vero, le pietanze tradizionali, ma queste ci danno solo informazioni sui tipi basilari di composizione di un cibo. Hanno dei nomi antichi e sono il frutto di una sintesi necessaria, mossa da esigenze essenziali.

La cucina moderna non dovrebbe avere sprechi: è strumento del singolo, con la sua fame, la sua tradizione e soprattutto con la sua specifica roba nel frigo. Dovrebbe partire da questi elementi.

A seguire andrebbe eliminato il cibo di seconda qualità, ogni tipo di lavorato e semilavorato già in confezione, e ovviamente ogni carne ed ogni pesce, perché non sono salutari e sono complessi da cucinare.

La cucina vegetariana può permettersi una scelta di prodotti più genuini e costosi, senza aumentare il costo complessivo di quello che si mette nel carrello della spesa.

Il successivo elemento da considerare è la data di scadenza. Le pietanze secche possono essere usate come complementi, ma il soggetto del nostro pasto dovrebbe consistere di cibo fresco. La verdura, la frutta, gli impasti di cereali, le cotture dei legumi, le uova e i latticini sono i protagonisti indiscussi.
Partendo da questi elementi dovremmo sentirci liberi di spaziare in tutte le combinazioni inventando ogni tipo di taglio, commistione, consistenza, colore, cottura, condimento, e quant’altro, ma non ultimo per importanza il supporto sulla quale mangiamo e lo strumento che usiamo per servirci del cibo.

Questa creazione non ha nome: è quello fai e che mangi, e che ti soddisfa perché l’hai scelta tu. Non richiede mai sforzi tecnici né tempi lunghi. È quasi istantanea, se impariamo a distribuire bene sul ripiano tutti gli elementi di cui ci serviamo, come fa il pittore sulla sua tavolozza.

Buon appetito!

Advertisements

About Dariotolkien

Illustrator, graphic and game designer
This entry was posted in Cucina and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s